Roma essenziale: cosa vedere in poco tempo nella capitale

Ho deciso di dedicare il lunedì all’Italia, a quella penisola che mi manca come l’aria. E parto proprio oggi, lunedì 4 maggio, una data che diventerà simbolica per la nostra nazione.

Oggi inizia la famigerata Fase 2 dell’emergenza Covid, una fase delicata che forse ci riporterà ad una normalità tanto agoniata. Lo spero tanto, ma non starò qui a fare polemiche e previsioni. Per quelle ci sono già le tv e i giornali che si stanno sbizzarrendo ultimamente.

Io voglio ripartire dall’Italia, e voglio ripartire dalla sua capitale, la mia città italiana del cuore.

A Roma ci saró stata una trentina di volte in 28 anni, e il mio ultimo viaggio prima dello stop forzato è stato proprio a Roma. In un prossimo articolo vi parlerò di questa ultima visita, ora torniamo al 2017, con questo itinerario di 1 giorno.

La mia Roma essenziale. Date un’occhiata e ditemi cosa ne pensate e leggete fino in fondo: l’articolo si chiude con una riflessione sulla capitale e mi piacerebbe sapere dai miei lettori romani se la condividono o meno.

“Il primo dei miei viaggetti estivi mi ha riportato nella città che più amo in assoluto, una città di una bellezza struggente, senza tempo, eterna.

Ovviamente non posso che riferirmi alla nostra capitale, Roma. Ormai la conosco benissimo, eppure non me ne stanco mai.

Questa volta ci sono arrivata in macchina e ci sono rimasta per 3 giorni. Ho passato in centro solo una giornata, ma mi è bastata per innamorarmi ancora una volta della Città Eterna.

Ma, cosa vedere in un giorno a Roma?

Essendo una meta che conosco, stavolta ho deciso di lasciarmi guidare dal caso, senza avere in mente cose già stabilite da vedere.

A parte una: fare un pit-stop in una delle chiese che ospitano una o più opere di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, il mio artista preferito, nonché il filo conduttore di molte delle mie mete. (Che ne dite di un articolo sui luoghi Caravaggio?)

Così siamo partiti da Piazza del Popolo e dalla Chiesa di Santa Maria del Popolo che ospita due tra le tele più famose dell’artista: la Crocifissione di San Pietro e la Conversione sulla Via di Damasco di San Paolo. Direi che vedere la rappresentazione dei Santi Patroni sia il modo migliore per partire con la visita della città.

IMG_5284

Su Via del Corso mi sono lasciata tentare non solo dal classico shopping, ma anche dal desiderio di entrare nella chiesa di Gesù e Maria, una esplosione di teatralità barocca.

FullSizeRender - Copia

All’ora di pranzo, abbiamo optato per un panino da Pane e Salame, in Via Santa Maria in Via, 19 e credo davvero che fosse il panino migliore che io abbia mai mangiato, il tutto unito a professionalità, convenienza e rapidità, che non guastano mai, soprattutto quando si ha poco tempo per visitare la meta in cui ci troviamo.

Successivamente, Piazza Colonna e Montecitorio, il centro governativo della nazione.

Altra meta che consiglio assolutamente è la Basilica di Santa Maria Sopra Minerva, nel Rione Pigna, nei pressi del Pantheon. Il nome indica la presenza di un tempio di epoca romana, dedicato a Minerva Chalcidica, sul quale si pensa che la chiesa possa essere stata costruita già a partire dal VIII secolo. Ospita le spoglie di Santa Caterina da Siena e del Beato Angelico e opere importanti di Michelangelo Buonarroti e Filippo Lippi, oltre che di molti altri artisti.

E prima di andare in aeroporto, lancio della monetina nella Fontana di Trevi, con la speranza di tornare presto a Roma.

Una tre giorni intensa, anche dal punto di vista gastronomico: finalmente ho mangiato una Cacio e Pepe così come deve essere fatta, e i carciofi alla romana, la panzanella. Insomma, il meglio della tradizione culinaria romana.

Eppure qualcosa del legame che ho con questa città questa volta si è spezzato. Ho trovato una città diversa, stanca e quasi rassegnata.

Il caldo ruggente di Luglio le dava un aspetto decadente, rafforzato dalla asfissiante presenza di turisti ineducati e della poca pulizia delle strade, dalla siccità che l’attanaglia. Sembra quasi che la città basti ormai a se stessa, senza nessuno che se ne occupa.

Credo che ci sia bisogno di un forte ammodernamento dei progetti di management culturale, turistico, sociale della capitale, troppo legata adesso alle brutte notizie che si sentono su di lei.

Dov’è finita la Roma della Dolce Vita e di Vacanze Romane? La Roma che ti fa girare la testa a furia di guardarla con avidità e desiderio di possedere tutta la sua bellezza?

Bisognerebbe tornare ad amare Roma, a capire che come lei al mondo non ce ne sono. Trovatemi una sola capitale che ha la storia e la cultura di Roma. Ci ho provato a cercarla, ma non ci sono riuscita, ancora.

Roma è lo specchio della nostra nazione. All’estero amano l’Italia perchè amano Roma.

Cosa succederebbe se non dovesse essere più così?

Una domanda da porsi questa, prima che sia troppo tardi.

Io ho fiducia e la stessa fiducia l’ho percepita anche nel video di Oliviero Astrologo che vi lascio a fine articolo.

Ve lo posto, così da assaporare la Roma di altri tempi, almeno per 3 minuti.

Intanto vi saluto, con la speranza che sia solo una fase di passaggio, perché Roma è sempre una meta d’obbligo, è un posto senza tempo. Il suo futuro è nelle mani dei romani e di tutti noi, perché tutti siamo cittadini della capitale.

Ci saranno tempi migliori, ne sono certa, è il cuore che me lo dice.”

IMG_5283
Una splendida poesia sulla Capitale di uno dei miei artisti spagnoli preferita, Rafael Alberti. Buona lettura!

Video Oliviero Astrologo

Sito Roma Turismo

Pubblicato da Angela Coscia

Guida Turistica abilitata e Travel Blogger. Mi considero una cantastorie e il mio scopo è quello di farci innamorare dei miei e viaggi e della mia terra, la Puglia, tanto da convincervi a ritornarci più volte. Scopri, Vivi, Ama e Ritorna.

19 pensieri riguardo “Roma essenziale: cosa vedere in poco tempo nella capitale

  1. Vivo a Roma da 15 anni e capisco perfettamente la delusione che hai provato: è una delle città più belle del mondo, eppure è sfatta. Ha respirato solo durante la quarantena: la mattina sentivo gli uccellini e l’aria era particolarmente pulita. Insomma, è tornata imperatrice, ma purtroppo per poco.

    Piace a 1 persona

  2. Quando leggo Roma non resisto, devo cliccare. Io adoro Roma in tutti i suoi aspetto, la sua aria decadente e la sua bellezza commovente. Sai che anche io ho una simpatia particolare per l’elefantino della Minerva? Passo sempre a salutarlo quando vado a Roma così come cerco sempre di fare una capatina a San Luigi dei Francesi, così, per immergermi nei giochi di luce di Caravaggio. Verranno tempi migliori anche per Roma, li merita senza dubbio

    Piace a 1 persona

  3. A Roma non ci torno da tanto, troppo tempo e avevo pensato a ipotizzare un viaggio proprio per questo periodo… e invece niente. Anche a me è capitato di dedicarle una giornata partendo con il primo volo del mattino da Torino e rientrando con l’ultimo. Bello, ma una sfacchinata non da poco, soprattutto col caldo. Vorrei almeno poter rimanere due giorni per concederle il tempo che merita.
    Pane e Salame segnato in lista!

    Piace a 1 persona

  4. Roma è sempre bella. Appena possibile vorrei tornarci perché non si è mai visto abbastanza, anzi nel mio caso ho davvero tanto ancora da scoprire. E poi per prima cosa un’autentica cacio e pepe dovrei proprio provarla.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: