Cinque posti insoliti di Matera
PUGLIA E BASILICATA

Cinque posti insoliti di Matera – i consigli della guida

Matera sta conoscendo un forte sviluppo turistico, eppure ci sono alcuni post che non tutti conoscono. Nell’articolo vi svelerò cinque posti insoliti di Matera.

Lavorando a Matera ho la fortuna di conoscerla in lungo e in largo, eppure mi rendo conto che molti turisti si fermano alle solite attrazioni e basta. In questo articolo vi porterò in cinque posti insoliti di Matera, a prova di local.

La città dei Sassi è ormai di diritto nella top 10 dei desideri di italiani e stranieri.

L’anno scorso è stata scelta da numerosissimi visitatori che, incuriositi dalla storia millenaria della città e dalla tranquillità del posto, amano perdersi fra i vicoli di Matera.

Però la città di Matera è una città che va vissuta a fondo, anche andando a scovare i cinque posti insoliti di Matera che conoscerete a brevissimo.

Per visitare Matera concedetevi almeno 3 giorni. Non ascoltate chi vi dice che “si gira in poco tempo”. Per capire Matera bisogna viverne gli anfratti più nascosti, gustarne i sapori, parlare con la sua gente.

E visitare questi cinque posti insoliti di Matera per completare la conoscenza della città, magari con guida turistica, che non guasta mai.

Arrivai ad una strada che da un solo lato era fiancheggiata da vecchie case e dall’altro costeggiava un precipizio.

In quel precipizio è Matera…

Carlo Levi

Cinque posti insoliti di Matera: il Mudesca

Tra i cinque posti insoliti di Matera che vi presento oggi, questo è il più “nuovo” di tutti.

Il Museo dello Scavo MUDESCA ha aperto i battenti solo l’anno scorso.

Gli ambienti, che evocano le epoche del passato, dall’età in cui si insediarono i primi nuclei abitativi alla semplicità della vita contadina di alcuni decenni fa, ci fanno immergere nel ventre di queste costruzioni in pietra calcarenitica conosciute come Sassi.

Mi ha subito colpito per due cose.

La prima: la posizione. Il MUDESCA non si trova nella zona Sassi più “famosa”, ma sorge al limite fra i Rioni Sassi e la zona del Piano, la parte più moderna della città.

La seconda: la gentilezza e la passione del proprietario che vi accompagnerà fra grotte, stalattiti, cantine, cisterne e granai.

Il biglietto con audioguida è di soli 3€.

Cinque posti insoliti di Matera, il mudesca
L’entrata al Museo dello Scavo di Matera

Il Palombaro Lungo

Tra i cinque posti insoliti di Matera, non posso non nominare il Palombaro Lungo, la più grande cisterna della città.

Secondo me, ogni buona visita alla scoperta di Matera dovrebbe includere questo luogo che purtroppo conoscono in pochi.

Il Palombaro Lungo è la più grande cisterna idrica ipogea della città di Matera ed è situato sotto Piazza Vittorio Veneto, dove convergono le acque piovane e sorgive provenienti dalle colline di La Nera, Lapillo e Macamarda.

Il nome deriva dal latino palombarius, rapace che si getta sulle prede e si immerge.

Visitare il Palombaro è importante per comprendere il profondo legame fra la città di Matera e l’acqua: un territorio così impervio ha costretto l’uomo a ingegnarsi su come conservare l’acqua piovana.

A questo bisogno sopperivano le grandi cisterne, come il Palombaro Lungo.

Il biglietto è di soli 3€.

Cinque posti insoliti di Matera: Via Muro

Se c’è una cosa per cui i giovani amano Matera, sono proprio i suoi vicoli super instagrammabili.

Tra i cinque posti insoliti di Matera dove scattare foto meravigliose è doveroso nominare Via Muro.

Conosciuta soprattutto per essere diventata il set per una delle scene più cult del film del 2007 The Passion di Mel Gibson, Via Muro stupisce per le possenti arcate che la sovrastano e per la bellissima vista sul Parco di Murgia Timone che offre.

Consiglio spassionato: in estate, quando fa davvero caldo, fatela in discesa e non in salita, è davvero molto faticosa.

La Cripta del Peccato Originale

Non andate via da Matera senza aver visitato la Cripta del Peccato Originale, poco fuori dalla città.

Tra i cinque posti insoliti di Matera che stiamo conoscendo adesso, questo è il mio preferito.

Anzi, vi dirò di più, è uno dei miei posti preferiti al mondo.

La Cripta era il luogo cultuale di un cenobio rupestre benedettino del periodo longobardo.

È impreziosita da un ciclo di affreschi datati tra l’VIII e il IX secolo, stesi dall’artista noto come il Pittore dei Fiori di Matera ed esprimenti i caratteri storici dell’arte benedettina-beneventana.

La parete sinistra presenta tre nicchie, su cui sono raffigurate rispettivamente le triarchie degli Apostoli, della Vergine Regina e degli Arcangeli.

La parete di fondo, invece, è ravvivata da un ampio ciclo pittorico raffigurante episodi della Creazione e del Peccato Originale.

Entrare in questa cripta – che fino alla sua riscoperta era un ovile! – è come ritrovarsi nel Medioevo…a soli pochi chilometri da Matera.

I Biglietti, prenotabili online a questo indirizzo, costano:

  • Intero: €10,70
  • Ridotto: € 8,56 (bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 e i 18 anni compiuti) o per gruppi superiori alle 15 persone.
  • Gratuito: bambini fino a 6 anni compiuti e persone con disabilità.

I prezzi sono comprensivi dei costi di commissione per la prenotazione.

Cinque posti insoliti di Matera - turisti in visita alla Cripta del Peccato originale
Turisti in visita alla Cripta del Peccato Originale

La Chiesa di San Giovanni Battista

Ho frequentato l’università a Matera e tutte le mattine, prima di iniziare lezione, mi fermavo nell’ultimo dei nostri cinque posti insoliti di Matera.

Sto parlando della splendida chiesa di San Giovanni Battista, che cerco di inserire sempre nei miei tour, come chicca finale.

La chiesa si trova su Via San Rocco ed è un piccolo gioiello di arte sacra.

Risalente all’epoca medievale, è stata la prima struttura sacra a sorgere fuori dalle mura della città nel 1230.

Dopo un periodo di abbandono, nel 1695 fu intitolata a San Giovanni Battista e rimaneggiate secondo i dettami del tardo barocco.

All’interno, le grandi arcate gotiche e la luce soffusa creano un ambiente che fa pensare alle sublimi chiese francesi.

L’austerità del luogo la rende un posto fuori dal tempo e dallo spazio.

Cinque posti insoliti di Matera - il fiume gravina
Vista sulla gravina di Matera

Più scrivo su Matera, e più mi accorgo che avrei ancora molte altre cose da dire su questa città.

Questi cinque posti insoliti di Matera sono solo un assaggio delle grande potenzialità della città dei Sassi.

A voi non resta che continuare a seguirmi per ulteriori storie su Matera e, magari, prenotare un tour in giro con me appena sarà possibile.

E se volete continuare a seguirmi per scoprire ancora tanti pezzi di Puglia, vi aspetto su  Instagram e Facebook.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *