Oggi è lunedì e come ben sapete ormai, è il giorno che dedico a farvi conoscere una città italiana. La settimana scorsa avete scelto Bologna, e io ne sono felicissima. Così, mentre nelle stories di @ingiroconangela su Instagram e Facebook vi sto raccontando la città, vi invito a dare un’occhiata all’articolo che ho scritto subito dopo averla visitata.

Più che un articolo, questa che leggerete è una pagina di diario. Alla fine scoprirete qualcosina in più su di me, una sorta di confessione su una decisione importantissima che mi sono ritrovata a dover prendere a Novembre 2018

A differenza delle altre città che ho fotografato, mi ha preso per la gola… avvolgente, sensuale, ghiotta, tondeggiante e abbondante come il suo dialetto e le sue donne

A. De Luca
Piazza Maggiore

“La settimana scorsa sono tornata da una due giorni a Bologna, la città dotta o grassa che dir si voglia.

Sono partita con mia madre e mia sorella questa volta e, a detta loro, Bologna è assolutamente una città senza paragoni.

Ma è meglio chiamarla Città Dotta per la sua Università, la più antica del mondo occidentale o Città Grassa?

Beh, onestamente, opterei per la seconda definizione: nel capoluogo emiliano si mangia da Dio. Voi direte: “Mamma mia che noia questa con questa gastronomia!”

Forse avete ragione, ma alzi la mano, o commenti, chi non è andato a Bologna anche per il suo cibo. Suvvia, non prendiamoci in giro.

Sfido chiunque a passeggiare per gli splendidi vicoli della città vecchia senza provare l’irrefrenabile tentazione di entrare in una delle salumerie tipiche che si trovano in giro.

Io l’ho fatto e ho scelto, per la prima serata bolognese la Salumeria Simoni:  dovete assolutamente provare il tortellino al forno ripieno di Mortadella.

Il secondo giorno ho assaggiato i tortellini a pranzo, indescrivibili.

Il tagliere di salumi della Salumeria Simoni

Ma basta parlare di cibo! Bologna ha molto altro da raccontare: è una città elegante, raffinata, composta.

Se dovessi disegnarla sarebbe una signora rinascimentale, fiera e consapevole della sua bellezza così tanto da non aver bisogno di ostentarla.

I portici che percorrono l’intero perimetro del borgo antico sono stati una piacevole scoperta: quanto è bello camminare senza ombrello anche se piove? E poi non cambierei con nulla al mondo la sensazione di sentirsi riparati e al sicuro pur passeggiando in una città sconosciuta.

Se avete poco tempo dovete assolutamente vedere queste tre cose:

  1. Piazza Maggiore, la Piazza grande di Lucio Dalla. La presenza del maestro risuona in ogni angolo e in ogni dove. Piazza Grande è forse una delle più belle piazze che abbia mai visto (dopo la Grand Place, ovviamente). La Basilica di San Petronio la domina maestosa e forte, e la sua facciata “a metà” la rende riconoscibilissima. Se non sapessi che è stata costruita tre il 1300 e il 1600 direi che questa invenzione della facciata lasciata incompleta è un’ottima trovata di marketing. Vedi San Petronio, la riconosci e non la puoi dimenticare.
  2. La Finestrella di Via Piella: sarà una cavolata, ma io l’ho amata. Questo scorcio di Venezia a Bologna mi ha rallegrato la giornata e sono sicura che farebbe anche a voi lo stesso effetto.
  3. A detta delle mie due compagne di viaggio, il complesso di Santo Stefano o delle “Sette Chiese”, un luogo sospeso nel tempo.
La fontana del Nettuno

Insomma, una città da inserire assolutamente nelle mete da visitare in Italia. Ma io non ero lì per una semplice vacanza. Ho affrontato un test d’ingresso per la Bologna Business School (che ho superato con successo) per un master che avevo vinto grazie al Myllennium Award – vi ricordate la mia serata fantastica a Villa Medici a Roma?

Dovevo decidere se partire o restare qui, nella mia amata terra, e, appena tornata è stata proprio la mia terra a darmi una risposta.

Finalmente, dopo due anni di travaglio, ho ottenuto il patentino di GUIDA TURISTICA DELLA REGIONE PUGLIA, valido a livello nazionale. Posso finalmente realizzare il mio sogno di raccontare questa terra al resto del mondo. Quindi, perchè partire?

Forse di questa scelta mi pentirò, ma adesso credo che sia la più giusta. Resto qui, continuo a lavorare a Matera che nel 2019 sarà il centro dell’Europa e intanto costruisco il mio sogno.

Quindi, cara Bologna, ci rivedremo, ma non così presto!”

Vi aspetto su Instagram per continuare il nostro viaggio 🙂

Angela

Benevenuti nel mio blog. Sono Angela e sono una Guida Turistica, Tecnico del Marketing Turistico e Viaggiatrice instacabile. Mi considero una cantastorie di Puglia e Basilicata e sono alla costante ricerca di tradizioni secolari e itinerari fuori dalle rotte. Con le mie visite guidate potrete scoprire la Puglia e la Basilicata piú autentiche.

0 thoughts on “Bologna: cosa vedere in poco tempo

  1. Teresa says:

    Che bella Bologna. E’ una città che amo, piena di storia, monumenti, gente cordiale e soprattutto cibo ottimo!

    Rispondi
  2. Sara says:

    Sempre bella Bologna anche per una scappata di un giorno. Come te anch’io ogni volta che vado mi faccio prendere per la gola 🙂

    Rispondi
  3. antomaio65 says:

    Ho abitato a Bologna per un breve periodo e ho adorato quella città così accogliente e ospitale dove mi sono sentita subito a casa. Ho fatto amicizie che durano ancora dopo tanti anni e ogni volta che ci torni mi reinnamoro dei suoi portici e dei suoi mattoni rossi. Tu hai fatto una bella scelta che spero ti abbia dato le soddisfazioni che meriti però ogni tanto un piatto di tortellini a Bologna torna a fartelo!

    Rispondi
  4. 24hourstrotter says:

    Sono stata a Bologna solo due volte, ed in entrambe ho dovuto vedere la città in fretta e furia. Ma devo dire che si presta bene 🙂

    Rispondi
  5. valeria says:

    Sono stata più volte a Bologna ma sempre soggiorni veloci! La trovo una città a misura d’uomo, si visita molto velocemente. Mi è piaciuta molto 🙂

    Rispondi
  6. foodeviaggi says:

    Bologna non la conosco per niente, ci sono stata un paio di volte ma sempre per lavoro e non ho praticamente visto nulla. Lo scorso anno sono stata a Eataly, ma la città non ho ancora avuto il piacere di visitarla. Spero di farlo presto!

    Rispondi
  7. Simona says:

    Bologna è la mia città, nonostante ora viva in un altro Paese, è e rimarrà sempre Casa Mia. E’ una città amichevole, affascinante e vivace. Mi fa piacere ti sia piaciuta, ma ti consiglio di tornarci perchè c’è ancora tantissimo da scoprire!

    Rispondi
  8. Ciarly says:

    Amo Bologna! La storia, i monumenti, la vita notturna.. e soprattutto i ristoranti! Si mangia veramente benissimo 🙂

    Rispondi
  9. Silvia The Food Traveler says:

    Non vado a Bologna da non so quanti anni! Devo assolutamente tornare perché ne ho dei ricordi bellissimi: una città con tanto da vedere, e poi il cibo. Sì, direi proprio che è il posto che fa per me.

    Rispondi
  10. giorgianullo says:

    Sono stata a Bologna una volta ed era nel periodo natalizio. Sarebbe bello tornare a visitare una città così splendida, magari con i colori dell’estate.

    Rispondi
  11. Lucia says:

    Sono stata a Bologna solo di passaggio e non ho potuto godere a pieno delle sue bellezze. Voglio tornarci al più presto e terrò a mente i tuoi consigli.

    Rispondi
  12. Veronica says:

    Sono stata a Bologna ad ottobre per un weekend pazzo sulla via degli Dei, un trekking che inizia proprio in questa città che per buons parte ho attraversato a piedi…Ovviamente non ho potuto fermarmi ad ammirare tante attrazioni ma fortunatamente ho avuto l’onore di passare sotto il portico più lungo del mondo: il portico di San Luca che con i suoi 666 archi forma un corridoio fino alla Basilica di San Luca. Poco prima di arrivare alla Basilica dopo un bel tratto in salita mi sono voltata e ho goduto di un panorama meraviglioso sulla città che mi ero appena lasciata alle spalle…

    Rispondi
  13. Rossella says:

    Durante il mio precedente lavoro, ho frequentato Bologna diverse volte in occasione di fiere. Purtroppo non ho mai avuto tempo e modo di trascorrere anche solo qualche ora alla scoperta della città! Eppure ha così tanto da ferire che non vedo l’ora di tornarci, ma stavolta da turista

    Rispondi
  14. amberviii says:

    Adoro Bologna! Ho una carissima amica bolognese che, quando vado a trovarla, mi porta sempre nei posti più carini della città ma soprattutto tiene per me delle vere e proprie lezioni di cucina, soprattutto di pasta fresca.. questo per dire che hai ragione, a Bologna ci sono andata soprattutto per il cibo 🙂

    Rispondi
  15. Giovanna says:

    Bellissima Bologna è una delle città che amo. Perché è pregna di cultura, per la simpatia e la disponibilità dei bolognesi e per la cucina. Come non amare il Friggione bolognese

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *